Visualizzazioni totali

25/02/15

Torino, diciottenne salvato dal tumore osseo

**Torino, diciottenne salvato dal tumore osseo con un bacino artificiale: è la prima volta al mondo
Il trapianto, con un'operazione lunga 12 ore, è stato eseguito all'ospedale Cto. La protesi in tantalio e titanio - emibacino e anca - è stata realizzata negli Usa grazie a un calco realizzato con una Tac. Il ragazzo, colpito dal cancro un anno fa, sta bene **

informazione originale: 
http://torino.repubblica.it/cronaca/2015/02/25/news/torino_diciottenne_salvato_dal_tumore_osseo_con_un_bacino_artificiale_la_prima_volta_al_mondo-108157234/?&ref=fbpr

BIGLIETTI EXPO 2015 DISABILI

 Expo 2015 ha deciso che le persone con disabilità hanno diritto ad acquistare un biglietto ridotto
NB. non sono disponibili online
ACQUISTATI PRIMA DEL 1 MAGGIO 2015
1 GIORNO
DISABILE (+ accompagnatore gratuito): 16€ in data aperta  e/o  13€ in data fissa
2 GIORNI CONSECUTIVI  
DISABILE (+ accompagnatore gratuito): 
29€ in data aperta e/o  25€ in data fissa
ACQUISTATI DOPO IL 1 MAGGIO 2015
1 GIORNO 
DISABILE (+ accompagnatore gratuito): 20€ in data aperta e/o 17€ in data fissa
2 GIORNI CONSECUTIVI 
DISABILE (+ accompagnatore gratuito):  36€ in data aperta e/o 31€ in data fissaPer persona italiana con disabilità • CERTIFICATO DI INVALIDITA' (Invalido Civile/Cieco Civile/Sordo/Invalido sul Lavoro o del Lavoro/Grande Invalido o Invalido per Servizio (certificati rilasciati dal Ministero del Tesoro o Ministero dell'Economia) oppure; • TESSERA DI INVALIDO DI GUERRA, oppure; • CONTRASSEGNO PARCHEGGIO DISABILI unitamente a DOCUMENTO DI IDENTITA' Per persona straniera con disabilità • DOCUMENTO CHE ATTESTI L’INVALIDITA’, oppure; • CONTRASSEGNO PARCHEGGIO DISABILI unitamente a DOCUMENTO DI IDENTITA'
*******Il biglietto gratuito per l’accompagnatore dovrà essere emesso contestualmente all’acquisto del biglietto ridotto.*******
www.expo2015.org/it/acquista/tipologie-di-biglietto
E’ possibile acquistare tali biglietti presso Expo Gate (Piazzale Cairoli, Milano), presso tutti i Rivenditori Autorizzati (www.expo2015.org/it/biglietti/rivenditori-autorizzati-biglietti-expo-milano-2015 ) e prossimamente alla biglietteria Expo sul sito espositivo.
Per agevolare ulteriormente l’acquisto, prossimamente verrà resa disponibile una linea telefonica e un indirizzo email che, verificando la disabilità, potranno soddisfare la richiesta di acquisto al prezzo facciale scontato per disabili (pagamenti con carta di credito e bonifico bancario).
Il biglietto o i biglietti regolarmente acquistati verranno infine inviati tramite email all’avente diritto.

VITAMINA D

  IMPORTANTE: 
Fino a qualche anno fa si sapeva che la D doveva venire attivata prima dal fegato e poi dai reni, e che serviva prevalentemente per far assorbire il calcio dall'intestino, veniva prescritta (a volte...) per l'osteoporosi.
Quello che invece si è scoperto recentemente è che la D viene DIRETTAMENTE ATTIVATA NEI TESSUTI, senza passare da fegato e reni. Ecco perché il dott. Coimbra consiglia il colecalciferolo (Dibase), e non per esempio il Didrogyl.
La stragrande maggioranza dei medici è ferma a 30 anni fa come conoscenze in questo campo, e non sa nulla della attivazione autocrina della vitamina D direttamente nei tessuti (che guardacaso sono quelli in cui la D dà una grande riduzione dell'incidenza di cancro).
Occhio all'emivita (cioè il tempo in cui la sostanza dimezza la sua quantità... è la "data di scadenza"). La vitamina D assunta oralmente ogni 24 ore si dimezza, ecco perché va assunta quotidianamente e non in mega dosi. Quella assunta in mega dosi fa aumentare sì il livello nel sangue, ma non la rende disponibile nei tessuti, dove ci serve maggiormente.
Occhio anche alle donne che allattano: ogni giorno devono introdurre nel loro corpo vitamina D ogni giorno da supplementi o dal sole, non basta aver un buon livello di 25(OH)D nel sangue.

Tabella acido-basico


Tabella acido-basico dei cibi alcalinizzanti e acidificanti free download

è ormai un fatto piuttosto condiviso: la nostra salute è correlata al grado di alcalinità e acidità del nostro organismo. In particolar modo è stato osservato che la malattia dipenderebbe da una condizione iperacida direttamente proporzionale al consumo di cibi manipolati ed edulcorati, all’esposizione ad un ambiente inquinato, allo stress.
Questi e molti altri fattori rappresentano un vero e proprio sconvolgimento del delicato equilibrio acido/basico, costringendo il nostro corpo ad utilizzare il suo “serbatoio alcalino” per far fronte ad una sovrapproduzione di rifiuti acidi.
Cosa possiamo fare? Diverse cose. Innanzi tutto constatare la situazione in cui ci ritroviamo e valutare oggettivamente la condizione alcalino/acida del nostro organismo. In secondo luogo cercare di riportare una sorta di equilibrio grazie all’alimentazione.
La tabella qui riportata, scaricabile gratuitamente cliccandoci sopra, è un documento prezioso da tenere in vista nelle nostre cucine. Si tratta di una lista di cibi tratti dal libro di Baroody e Palmisano,Alcalinizzatevi e Ionizzatevi (Bis Edizioni, 2012) che riporta il grado di alcalinità e acidità dei nostri più comuni alimenti e condimenti.
I due autori sottolineano che per il mantenimento di una buona salute occorrerebbe seguire la regola dell’80/20, ovvero dell’ingestione dell’80% di cibi alcalini e del 20% di cibi acidi. Dando un’occhiata alla tabella sarà facile osservare come normalmente la nostra cucina ci riservi esattamente il contrario…

UNA NOTA:
LA TABELLA NON RIPORTA I DATI DELLA CARNE E DEL PESCE ED È PENSATA APPOSITAMENTE PER UN REGIME DIETETICO VEGETARIANO. POCO MALE PER I CARNIVORI: SAPPIATE CHE I GRASSI ANIMALI SONO ACIDIFICANTI, SITUAZIONE RESA ANCORA PIÙ DANNOSA DALL’UTILIZZO DI STEROIDI E ANTIBIOTICI E DI TUTTE LE SOSTANZE CHIMICHE NORMALMENTE UTILIZZATE NEGLI ALLEVAMENTI DI BESTIAME PER ACCELERARNE LA CRESCITA E PREVENIRE LE MALATTIE.

Rimandiamo alla lettura di Baroody e Palmisano per ulteriori informazioni riguardo alle sfaccettature dell’equilibrio acido/alcalino, le malattie da contagio, la preparazione di pasti alcalinizzanti e l’uso di integratori nutrizionali, la scelta dell’acqua da bere, la pulizia degli organi drenanti, la neutralizzazione dello stress.
Buona lettura e buon appetito! Achille Daga


Fonte:

Triride

Triride è un dispositivo medico registrato all'Albo del Ministero della Salute con il numero di repertorio ¤¤¤ N° 922795 ed è riconducibile al Nomenclatore Tariffario Triride è certificato CE ed è coperto da due depositi di brevetto Internazionali: ¤¤¤ N° AN2013A000103 e N° AN2013U000043, Brevetto di Design Europeo N. 002460568-001.
Il marchio è registrato con il numero di protocollo: N° AN2013C000347.
Per info: 
www.triride.blogspot.it
trirideitalia@hotmail.com

14/02/15

Veronesi convalida il Metodo Di Bella: Il tumore regredisce

Ci sono voluti parecchi anni, ma alla fine il metodo Di Bella, la cura anti-tumori a base di farmaci biologici, creata dal medico fisiologo scomparso nel 2003, è stata riconoscita valida da Umberto Veronesi.
Uno studio scientifico dell’Università di Firenze e approvato dall’Istituto europeo per l’Oncologia, ha confermato, infatti, la validità del metodo.
E viene da sorridere, perchè lo stesso, identico metodo fu bocciato dalministero della Salute nel lontano 1998. Lo studio dell’Università di Firenze è stato pubblicato sulla celebre rivista European Journal of Pharmacology ed ha avuto il benestare scientifico dell’Istituto europeo di Oncologia, capitanata dal professor Umberto Veronesi.
A quindici anni dalla fine della sperimentazione il Metodo Di Bella sta tornando a far parlare. Migliaia di pazienti si stanno rivolgendo a Giuseppe Di Bella, che sta portando avanti la terapia inventata dal padre Luigi, per essere curati. Ci sono, inoltre, migliaia di casi di guarigione e i tribunali di diverse città hanno imposto alle ASL locali di rimborsare le cure ad alcuni malati. La sperimentazione di questa terapia alternativa era stata bocciata a fine anni ’90, ma da un’indagine del PM Raffaele Guariniello era emerso che c’erano stati gravi errori nella sperimentazione. È significativo un articolo di Marco Travaglio pubblicato su Repubblica nel settembre del 2000, in cui il giornalista raccontava i lati oscuri della vicenda. Dosi sballate e farmaci scaduti, così la sperimentazione della cura Di Bella è stata corrotta da gravi irregolarità che volevano farla bocciare! Troppi interessi economici delle case farmaceutiche che non potevano guadagnare con questo metodo come invece continuano a fare con le chemioterapie e farmaci dannosissimi.
Lo spiraglio di luce arriva dall’ Università di Firenze, là dove uno studio scientifico ha confermato la veridicità scientifica della cura del dottor Luigi di Bella. Spiraglio ancor più importante è stato conferito dal fatto che lo stesso illustre medico: Umberto Veronesi ha mostrato la sua approvazione nei confronti di un metodo diffuso già da moltissimi anni.
«Effetti combinati di melatonina, acido trans retinoico e somatostatina sulla proliferazione e la morte delle cellule di cancro al seno».
CONTINUA QUI LA TUA LETTURA :  www.breaknotizie.com/veronesi-convalida-il-metodo-di-bella…/