Visualizzazioni totali

17/11/12

CCSVI in Parkinson, morbo di Alzheimer e altre malattie neurologiche (OND)



CCSVI in OND: Notizie in pillole
  • CCSVI e di altre irregolarità venosi sono stati trovati in 42,3% dei pazienti con altre malattie neurologiche [1]
  • MRV di imaging ha rivelato che il 71% dei pazienti con Parkinson avevano strutture venose anormali e / o il flusso di sangue
  • Neurologo e ricercatore ictus, il Dott. Peter Stys, MS ha paragonato ad altre malattie di neurodegenerazione, tra cui il morbo di Alzheimer e di Parkinson [6]
  • Diversi studi hanno trovato un legame tra il flusso sanguigno cerebrale e la malattia di neurodegenerazione [8,9,10,11,12,13]
  • Perdita di integrità della barriera ematoencefalica è trovato in MS ed altre malattie neurologiche, ed è associata ad rallentato flusso sanguigno cerebrale [14]
Nei quattro anni da quando il Dr. Paolo Zamboni pubblicato la sua scoperta della insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI) come una malattia venosa specifica per la sclerosi multipla (SM), altri ricercatori internazionali, specialisti di imaging, ei medici hanno pubblicato e discusso i loro risultati di CCSVI in altre malattie neurologiche (OND).
La correlazione prima di CCSVI a OND è stata fatta dal Dr. Robert Zivadinov e la sua squadra di imaging a Buffalo Neuroimaging Center (BNAC). BNAC è stato coinvolto nella ricerca CCSVI dal 2008, e reclutato più di 499 iscritti partecipanti nella loro CTEVD (combinato transcranico ed extracranico venoso doppler) studio. BNAC utilizzato dottor Zamboni doppler protocollo e riscontrate irregolarità CCSVI e venoso in 42,3% dei pazienti con altre malattie neurologiche, tra cui il Parkinson [1]
La Società Internazionale per la malattia neurovascolare (ISNVD) è un gruppo impegnato a comprendere il ruolo del ritorno venoso alterato in OND e invecchiamento e chiarendo come OND parti molti aspetti legati alla neurodegenerazione e il flusso ematico cerebrale.Nella sua Lettera accogliente, come il Presidente per il 2 ° Conferenza annuale ISNVD, tenutosi a Orlando, in Florida, nel mese di febbraio 2012, il dottor Zivadinov commentato le sessioni scientifiche del convegno, che sono stati "focalizzati sul coinvolgimento venoso migliore comprensione dei disturbi neurologici, le anomalie nella sclerosi multipla, morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer, sindrome di Sturge-Weber, idrocefalo normoteso e invecchiamento. " [2]
Un membro del Presidente ISNVD e fondatore, il dottor Mark Haacke, ha presentato la ricerca al 2 ° Conferenza annuale ISNVD. Il suo giornale, che è stato inviato per la pubblicazione, visto 21 pazienti con Parkinson. I partecipanti sono stati ripresi da MRV, e 15 di essi (71%) avevano strutture venose anormali e / o il flusso di sangue. Tutti i partecipanti con CCSVI esposto lo stesso schema: portata ridotta sul lato sinistro e anormale seno trasverso di sinistra e la vena giugulare, con la giugulare interna destra portando la maggior parte del flusso fuori del cervello. Questo lavoro è stato stimolato in parte dal fatto che la deposizione di ferro nella popolazione MS [3] ha posizioni simile a quello osservato nei pazienti di Parkinson. Quindi la domanda che mi venne in mente fu: "Potrebbe questi effetti sono associazioni simili con CCSVI?" Inoltre, il Prof. Haacke ha studiato più di 2000 casi e ha recentemente pubblicato un documento su 323 casi di SM a dimostrare che vi è chiaramente flusso anomalo nei pazienti con SM [4] . Tuttavia, il tipo di anomalie di flusso sembra essere diverso con casi Parkinson, forse spiegare perché la malattia di Parkinson si sviluppa in modo molto più tardi di MS.
Altri membri del ISNVD, Dr. CP Chung e il Dr. HY Hsu, neurologi al Chung Shan Medical University di Taiwan, hanno studiato reflusso vena giugulare in relazione a malattie neurologiche e l'invecchiamento negli ultimi dieci anni. [5]
Dr. Peter Stys, neurologo e ricercatore corsa presso l'Università di Calgary e destinatario di una concessione $ 3,8 milioni rispetto alla MS Society del Canada per ricercare l'aspetto degenerativo della sclerosi multipla, ha recentemente pubblicato una revisione della letteratura che definisce MS come una malattia del primario neurodegenerazione con infiammazione secondaria, o di quello che lui chiama un "inside-out meccanismo."
Anche se la ricerca Stys 'non si riferisce al ritorno venoso o CCSVI in particolare, egli si confronta con MS ad altre malattie di neurodegenerazione, tra cui l'Alzheimer e il morbo di Parkinson. Stys ritiene che queste malattie entro lo spettro di "cytodegeneration" - o morte cellulare. Egli postula che la differenza tra queste malattie possono essere l'età di insorgenza, in quanto MS inizia presto nella vita, e "risposta immunitaria" è più acuto negli individui più giovani. Riportato qui di seguito è una sezione da una recente revisione del Dr. Stys, dal titolo "Può la sclerosi multipla reale alzarsi per favore?" [6]
Ci si potrebbe ragionevolmente chiedere perché altri disturbi comuni neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson, non anche provocare recidivante-remittente neuroinfiammazione. In realtà, entrambe le malattie non infiammazione mostra a patologicamente regioni vulnerabili 83,84 . In effetti, in questi campi di ricerca vi è anche in corso un dibattito sul fatto che l'infiammazione è una reazione a, o la causa, la degenerazione in corso.
Poiché le malattie come l'Alzheimer e il Parkinson hanno un degenerativa molto più importante piuttosto che fenotipo infiammatorio, l'ipotesi iniziale era che un meccanismo degenerativo (o meccanismi) è stato il principale responsabile, con infiammazione forse una secondaria, ma forse importante, conseguenza della degenerazione.
Nella SM, la situazione è invertita: l'infiammazione si manifesta precocemente ed è molto importante in molti pazienti, quindi era naturale supporre che l'autoimmunità potrebbe essere causale, ma, come discusso in questo prospettiva, tale ipotesi potrebbe non essere corretto.
Se MS è principalmente una malattia degenerativa in linea con un inside-out meccanismo, perché questa malattia è unica nel generare tale infiammazione prominente e ciclica? Le differenze possono essere correlate all'età: il morbo di Alzheimer e di Parkinson decenni malattia presenti entro il MS, e la reattività immunitaria diminuisce con l'età, attraverso un processo di 'senescenza immunitaria' (REFS 21,87). Infatti, la risposta delle cellule T, che sono noti per essere coinvolti nella centrale di MS immunopatogenesi 88 , appare particolarmente alterata con l'età 87 . Inoltre, non si può escludere che il cytodegeneration putativo che coinvolge l'unità mielinizzanti (oligodendroglia, i loro processi e mielina) in detriti MS release che è più antigenica 35,36,66 che i detriti che viene liberato dalla degenerazione principalmente sinaptica e neuronale nella malattia di Alzheimer e altre patologie neurodegenerative tradizionali.
________________________________________________________________

Ipoperfusione come causa di neurodegenerazione nella sclerosi multipla e OND
Un potenziale meccanismo alla base del processo neurodegenerativo che è attualmente in fase di studio è ipoperfusione , o rallentato il flusso ematico cerebrale.
Ipoperfusione nel cervello parenchima è stata collegata alla gravità della CCSVI. In uno studio in cieco effettuato dal Dr. Zamboni e il dottor Zivadinov di laboratori di ricerca, controlli sani e le persone con SM ha ricevuto l'analisi Doppler e risonanza magnetica di perfusione. C'era una correlazione osservata tra venosa emodinamica insufficienza e riduzione del flusso ematico cerebrale.
Questo studio pilota è il primo a segnalare una relazione significativa tra la gravità della CCSVI e ipoperfusione del parenchima cerebrale. Questi risultati preliminari dovrebbero essere confermati in un gruppo più ampio di pazienti affetti da SM per garantire che generalizzare alla popolazione MS nel suo complesso. Ridotta perfusione potrebbe contribuire ai meccanismi noti di ipossia virtuale in assoni degenerati. [7]
Gli studi successivi hanno trovato una connessione tra rallentato flusso sanguigno cerebrale e le malattie di neurodegenerazione. La maggior parte di questi studi di notare che ipoperfusione sembra precedere il processo degenerativo.

1. Ipoperfusione cerebrale è legata alla neurodegenerazione nella malattia di Alzheimer e sembra precedere la hypometabolic , cognitivo e patologia degenerativa.
Cronica cerebrale ipoperfusione è stato associato a declino cognitivo nel processo di invecchiamento e la malattia di Alzheimer. Inoltre, lo schema di flusso sanguigno cerebrale in lieve insufficienza cognitiva è emerso come un marker predittivo per la progressione nella malattia di Alzheimer. [8]

Montaggio prove cliniche e sperimentali indicano che la malattia di Alzheimer (AD) può essere causata da vascolare fattori legati direttamente che riducono la perfusione cerebrale ad un livello critico di disfunzione. Questa prova può essere riassunta come segue: 
(1) studi epidemiologici dimostrano che i fattori di rischio finora descritti per AD hanno una base vascolare; 
(2) la maggior parte dei fattori di rischio per AD sono anche associati con demenza vascolare (VaD); 
(3) praticamente tutti i farmaci segnalati a rallentare lo sviluppo di AD migliorare o di aumentare la perfusione cerebrale; 
(4) lo sviluppo di AD può essere previsto preclinico misurando regionali deficit di perfusione cerebrale; 
(5) Esiste evidenza clinica che i sintomi sono legati alla AD microvascolare cerebrale emodinamica patologia; 
(6) sintomatologia clinica è simile in AD e VaD; 
(7) cerebrovascolari lesioni patologiche spesso si sovrappongono in AD e VaD e
(8) la prova che cerebrale ipoperfusione sembra precedere il hypometabolic , cognitivo e patologia degenerativa che è presente in AD. [9]

I dati collettivi presentati in questa recensione sostengono fortemente il concetto che AD sporadica è un disturbo vascolare. [10]

I nostri esperimenti rivelano che il totale del flusso ematico cerebrale è stata del 20% inferiore nel gruppo malattia di Alzheimer rispetto al normale gruppo di dementi controlli, e che questi valori sono direttamente correlati con la pressione del polso e misure cognitive. Il gruppo di annunci ha avuto un impulso di pressione significativamente più bassa (in media 48 dC, significa NDC 71, p = 0,0004). A differenza gruppo significativo è stato osservato anche nei loro volumi ippocampali. Compositi z-score per clinica, psicometrica, volume ippocampale e dati emodinamici differiva tra AD e soggetti NDC, con valori nella ex essendo significativamente più basso (t = 12.00, df = 1, p = 0.001) rispetto al secondo.

CONCLUSIONE:
Questi risultati indicano un'associazione tra ipoperfusione cerebrale e la demenza di Alzheimer. Le malattie cardiovascolari combinati con ipoperfusione cerebrale possono partecipare nella patogenesi / fisiopatologia delle malattie neurodegenerative. Future indagini longitudinali e su più vasta scala di misura dei parametri di conferma multidominio sono garantiti . [11]


2. Cerebrale ipoperfusione è trovato presto nella malattia di Parkinson.
In questo lavoro, rotazione arteriosa etichettato perfusione RM è stato impiegato per la quantificazione assoluta del flusso ematico cerebrale in un gruppo di primi-a moderata-pazienti con malattia di Parkinson e di pari età controlli sani. Confronti perfusione tra i due gruppi hanno mostrato che il morbo di Parkinson è caratterizzata da diffusa corticale ipoperfusione . Subcortically, ipoperfusioneè stata trovata anche nel nucleo caudato. Questo modello di ipoperfusione potrebbe essere correlato a disfunzioni cognitive che sono stati precedentemente osservati anche nei primi stadi della malattia. [12]
Regione di interesse analisi dei valori assoluti di perfusione ha rivelato che modello di malattia di Parkinson è stata caratterizzata da diminuita perfusione a posteriori parieto-ococcipital corteccia, precuneus e cuneo , e media frontale circonvoluzioni rispetto ai controlli sani. [13]

3. ipoperfusione cerebrale e riduzione del flusso di sangue causa neurodegenerazione in un modello murino che caratterizza vascolare deficit cognitivo e alterazioni della sostanza bianca.
Introduzione: ridotto flusso sanguigno cerebrale è associata a malattie neurodegenerative e la demenza, in particolare. L'evidenza sperimentale ha dimostrato il ruolo di iniziativa della cronica cerebrale ipoperfusione nel danno neuronale per l'ippocampo, la corteccia cerebrale, le aree di sostanza bianca e il sistema visivo. Permanente, occlusione bilaterale delle arterie carotidi comuni di ratti (due occlusione di vasi - 2VO) è stato introdotto per la riproduzione di cronica cerebrale ipoperfusione come si verifica nella malattia di Alzheimer e invecchiamento umano. Aumento della generazione di radicali liberi attraverso la perossidazione lipidica possono danneggiare membrana neuronale delle cellule. Marcatori di perossidazione lipidica sono stati trovati per essere elevati nei tessuti cerebrali e fluidi corporei in malattie neurodegenerative, compresa la malattia di Alzheimer, morbo di Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica. [8]

4. Una perdita di integrità della barriera ematoencefalica è trovato in MS e OND - che può essere collegato ad cerebrale ipoperfusione eipossia .
Recenti evidenze indicano che la disfunzione BBB è associato con l'accumulo di diversi vasculotoxic e neurotossico molecole all'interno del cervello parenchima , una riduzione del flusso sanguigno cerebrale, e ipossia . Insieme, questi insulti vascolari derivati ​​potrebbe avviare e / o contribuire alla degenerazione neuronale. [14]


CCSVI Alliance vede la scoperta di CCSVI in altri disturbi neurologici come ulteriormente sottolineando l'importanza del sistema venoso e la perfusione cerebrale per la salute del cervello. Incoraggiamo i neurologi a lavorare con medici e specialisti di imaging vascolare nel considerare il flusso ematico cerebrale nella malattia neurodegenerativa.
Incoraggiamo inoltre i pazienti e custodi di quelli con altre malattie neurodegenerative per rimanere al passo degli sviluppi e sostenere l'esplorazione continua di CCSVI. Se MS è una malattia primaria di neurodegenerazione, come il morbo di Alzheimer e di Parkinson, è essenziale capire come il flusso sanguigno cerebrale, fluido cerebrospinale, e perfusione sono legati alla salute del cervello.
CCSVI Alliance invita coloro che hanno una connessione a Parkinson, morbo di Alzheimer e OND a sostenere l'Alleanza. Vi chiediamo inoltre di incoraggiare la ricerca in malattie neurodegenerative, contattando gruppi di difesa dei pazienti, rappresentanti del governo e le università locali, al fine di accelerare la ricerca sulla connessione tra neurodegenerazione e CCSVI. Questa ricerca è nelle fasi iniziali, ma deve essere continuato, e il finanziamento è essenziale.

Riferimenti:

  1. Zivadinov R, K Marr, Cutter G, M Ramanathan, Benedetto RH, Kennedy C, Elfadil M, Yeh AE, Reuther J, Brooks C, K Hunt, Andrews M, Carl E, Dwyer MG, Hojnacki D, Weinstock-Guttman B. Prevalenza, sensibilità e specificità di insufficienza venosa cronica cerebrospinale nella sclerosi multipla.Neurology. 2011 Jul 12; vol. 77 (Issue 2): Pages138-44. Epub 2011 Apr 13. Estratto da: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21490322
  2. Robert Zivadinov, MD, PhD. Lettera del Presidente. 2nd Annual Meeting ISNVD scientifico. Estratto da:http://www.isnvd.org/files/ISNVD_2012_BROCHURE.pdf
  3. Habib CA, Liu M, N Bawany, Garbern J, Krumbein io, Mentzel HJ, Reichenbach J, Magnano C, Zivadinov R, Haacke EM. Valutare contenuto anomalo di ferro nella materia grigia profonda dei pazienti con sclerosi multipla rispetto ai controlli sani. AJNR Am J Neuroradiol. 2012 Feb. vol. 33 (Issue 2) Pagine: 252-258. Epub 2011 Nov 24. Estratto da: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22116106
  4. . Haacke EM, Beggs CB, Habib C. Il ruolo delle anomalie venose nella malattia neurologica Recensioni su recenti studi clinici. maggio 2012, vol. 7 (Issue 2): Pages100-16. Estratto da: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22338620
  5. Hung-Yi Hsu. Reflusso venoso giugulare e disturbi neurologici. Acta Neurologica Taiwanica marzo 2011; Vol. 20:1-3. Estratto da: 20Editorial.pdf http://www.ant-tnsjournal.com/Mag_Files/20-1/1.20-1% 
  6. Peter K. Stys, Gerald W. Zamponi, Jan van Minnen & Jeroen JG Geurts. Sarà la sclerosi multipla reale alzarsi per favore? Nature Reviews Neuroscience 13, 507-514 (luglio 2012) doi: 10.1038/nrn3275. Estratto da: http://www.nature.com/nrn/journal/v13/n7/full/nrn3275.html
  7. Paolo Zamboni, Erica Menegatti, Bianca Weinstock-Guttman, Michael G Dwyer, Claudiu V Schirda, Anna M Malagoni, David Hojnacki, Cheryl Kennedy, Ellen Carl, Niels Bergsland, Christopher Magnano, Ilaria Bartolomei, Fabrizio Salvi e Robert Zivadinov. Ipoperfusione del parenchima cerebrale associata alla gravità della insufficienza venosa cronica cerebrospinale nei pazienti con sclerosi multipla: a. Relazione trasversale preliminareBMC Medicine 2011, 9:22 doi: 10.1186/1741-7015-9-22. Estratto da: http://www.biomedcentral.com/1741-7015/9/22
  8. Farkas E, Luiten PG, Bari F. permanente, bilaterale occlusione arteria carotide comune nel ratto: un modello per le malattie neurodegenerative croniche cerebrali ipoperfusione legate.  Recensioni Brain Research 2007 Aprile; vol. 54 (Numero 1): pagine 162-80. Epub 2007 Jan 18. - PubMed - NCBI.Estratto da: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17296232
  9. JC de la Torre. E 'la malattia di Alzheimer preceduto da neurodegenerazione o ipoperfusione cerebrale? [ Ann Neurol. 2005 Giugno, 57 (6) :783-4.] - PubMed - NCBI. Estratto da: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15929049
  10. JC de la Torre. . Malattia di Alzheimer come una malattia vascolare: prove nosologico . Stroke aprile 2002, 33 (4) :1152-62. Estratto da:http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11935076
  11. Roher AE, Debbins JP, Malek-Ahmadi M, Chen K, tubo JG, Maze S, Belden C, Maarouf CL, Thiyyagura P, Mo H, Hunter JM, Kokjohn TA, Walker DG, Kruchowsky JC, Belohlavek M, Sabbagh MN, Beach TG. Il flusso sanguigno cerebrale nella malattia di Alzheimer. salute vascolare e gestione dei rischi. 2012; 8:599-611. doi: 10.2147/VHRM.S34874. Epub 2012 Nov 23. Estratto da: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3481957/
  12. Fernández-Seara MA, E Mengual, Vidorreta M, Aznárez Sanado-M, Loayza FR, Villagra F, J Irigoyen, Pastore MA. Ipoperfusione corticale nella malattia di Parkinson ha valutato con rotazione arteriosa etichettato perfusione RM. NeuroImage . 2012 febbraio 1, vol. 59 (Edizione 3) Pagine: 2743-50. Epub 2011 Oct 18. Estratto da: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22032942 
  13. Tracy R. Melzer, Richard Watts, Michael R. MacAskill, John F. Pearson, Sina Rüeger, Toni L. Brocca, Leslie Livingston, Charlotte Graham, Ross Keenan, Ajit Shankaranarayanan, David C. Alsop, John C. Dalrymple-Alford e Tim J. Anderson. Etichettatura di spin arteriosa rivela un pattern anomalo perfusione cerebrale nella malattia di Parkinson. Cervello - A Journal of Neurology . Vol. 134 (Numero 3): 845-855 pagine. Estratto da:http://brain.oxfordjournals.org/content/134/3/845
  14. Berislav Zlokovic V.. Percorsi neurovascolari a neurodegenerazione nella malattia di Alzheimer e di altri disturbi. Nature Reviews Neuroscience.dicembre 2011. Vol. 12, Pages 723-738 doi: 10.1038/nrn3114. Estratto da: http://www.nature.com/nrn/journal/v12/n12/abs/nrn3114.html

Nessun commento:

Posta un commento