Visualizzazioni totali

12/07/13

La pillola anticoncezionale



La pillola è composta da un’associazione di estrogeni e progestinici, in formamonofasica, dove i 21 confetti contengono la stessa quantità di questi ormoni, o trifasica, i cui confetti hanno tre colori diversi, a seconda della quantità di estrogeni e progestinici.


L’efficacia della pillola è molto alta per quattro motivi:
  1. blocca l’ovulazione
  2. altera l’endometrio, rendendolo inadatto all’annidamento di un uovo eventualmente fecondato
  3. altera il muco cervicale, rendendolo più viscoso e meno penetrabile da parte degli spermatozoi
  4. altera la motilità tubarica
Questo contraccettivo può essere assunto continuativamente, anche per alcuni anni, e non sono necessarie sospensioni periodiche, se non in caso di disturbi o complicazioni. Terminata una confezione, si sospende la pillola per 7 giorni, durante i quali arriverà una “falsa mestruazione”; dopo questo periodo di tempo si riprende l’assunzione quotidiana.

I benefici della pillola

Numerosi studi e ricerche hanno dimostrato che la pillola ha molti effetti positivi nella donna:
  • si riducono o scompaiono le cisti ovariche
  • diminuiscono i dolori mestruali
  • si riduce il rischio di cancro alle ovaie e all’endometrio
  • il ciclo si regolarizza.

Quando evitare la pillola

Non tutte le donne possono assumere questo contraccettivo, esistono alcune controindicazioni se la donna:
  • ha gravi disturbi cardiocircolatori
  • ha gravi malattie del fegato
  • se c’è la presenza o il sospetto di tumori
  • se ci sono perdite di sangue al di fuori del ciclo mestruale, di cui non si conosce la causa


False credenze

Sull’uso della pillola sono state costruite false credenze, quali il fatto che la pillola potesse provocare il cancro, le vene varicose e riducesse la fertilità o causasse parti gemellari. Tutte idee senza un fondamento scientifico.
http://www.amando.it/sesso/contraccezione/la-pillola-anticoncezionale.html
osa fare se si vuole assumere la pillola
La pillola va presa sotto controllo medico; è importante quindi recarsi da un ginecologo che effettua una visita, raccoglie la storia clinica personale e famigliare, misura la pressione e richiede un approfondimento con esami del sangue. Se tutto va bene prescriverà questo contraccettivo, con la richiesta di effettuare controlli annuali.
Bisogna prestare attenzione all’assunzione della pillola, quando contemporaneamente si prendono farmaci quali, antibiotici, tranquillanti, antiepilettici, carbone vegetale e purganti. Queste sostanze possono compromettere l’efficacia della pillola, e per evitare gravidanze indesiderate sarebbe meglio per quel mese, usare anche un altro metodo anticoncezionale.
La minipillola
Dopo una gravidanza, per evitarne una successiva, è possibile assumere la minipillola, soprattutto se si è scelto di allattare il neonato. Queste compresse sono costituite da basse dosi di progestinico, che quindi non influenzano la quantità e la qualità del latte materno.
La minipillola va assunta senza interruzione e la sua efficacia è molto buona, perché:
  • altera l’endometrio
  • altera la motilità tubarica
  • altera il muco cervicale
  • riduce la secrezione tubarica
Le controindicazioni della minipillola (rare e non accertate da tutti) sono rappresentate da alterazioni del ciclo mestruale, quali mancanza del ciclo, perdite ematiche intramestruali, emorragie uterine. In rarissimi casi provoca una riduzione del desiderio sessuale, astenia e tendenza alla depressione.

INFO DA web

ATTENZIONE...ci sono farmaci che VANNO IN CONTRASTO CON LA PILLOLA..... LEGGETE I BUGIARDINI..... MI RACCOMANDO.

Nessun commento:

Posta un commento