Visualizzazioni totali

09/10/12

Premio Nobel per la medicina agli studi su clonazione e staminali

http://www.doctor33.it/doctor/articolo-35.html?xrtd=TXCRCCATLRXCVCAVTRCLPSY

L'edizione 2012 del premio Nobel per la medicina è stato assegnato a Shinya Yamanaka e John B. Gurdon (foto), per aver scoperto che le cellule mature possono essere riprogrammate in cellule pluripotenti, si legge nel comunicato del Karolinka institutet. In una staffetta durata circa 40 anni, hanno gettato le basi, il primo, e aperto nuove prospettive, il secondo, sulle cellule staminali riprogrammate, cosiddette staminali pluripotenti indotte (Ips). Gurdon, infatti, nel 1962 aveva scoperto che la specializzazione delle cellule è reversibile: dopo aver modificato una cellula uovo di rana, sostituendo il suo nucleo con quello di una cellula matura di origine intestinale, cioè differenziata, ha ottenuto lo sviluppo di un normale girino. La ricerca pionieristica di Gurdon ha avviato un filone di ricerca che ha portato nel 1997 alla clonazione della pecora Dolly, a partire da una cellula adulta, ma anche al dibattito etico sul tema delle staminali. Nel 2006, Yamanaka ha scoperto che le cellule adulte dei topi si possono riprogrammare per diventare cellule staminali immature. Introducendo solo pochi geni, spiega l'Institutet, cioè segnali specifici, si possono riprogrammare cellule mature a diventare cellule staminali pluripotenti, vale a dire cellule immature che sono in grado di svilupparsi in tutti i tipi di cellule del corpo.  Questo è stato il primo passo verso la medicina rigenerativa, e ha avuto un impatto notevole sugli aspetti etici sollevati dall'ipotesi di usare cellule staminali embrionali. «Le possibili applicazioni delle Ips sono molte» aveva dichiarato Yamanaka in una recente visita in Italia «ma questa tecnologia è ancora aglli inizi, dobbiamo lavorare ancora molto duramente per realizzare le prime applicazioni nello studio di nuovi farmaci e in campo medico».

Nessun commento:

Posta un commento