Visualizzazioni totali

28/06/12

Naturali flora intestinale coinvolti nella comparsa della sclerosi multipla Benefici batteri intestinali può attivare le cellule immunitarie e innescare la reazione eccessiva del sistema immunitario


27 ottobre 2011


La sclerosi multipla è causata da una combinazione di fattori genetici ed ambientali. Per lungo tempo, patogeni sono stati ritenuti tali influenze esterne. Secondo gli scienziati del Max Planck di Neurobiologia a Martinsried, tuttavia, non è a quanto pare i batteri nocivi che scatenano la sclerosi multipla, ma quelle benefiche - in particolare, la flora intestinale, che ogni essere umano ha bisogno per la digestione. I ricercatori hanno scoperto che i topi geneticamente modificati sviluppare una infiammazione nel cervello simile alla malattia umana se hanno normale flora batterica intestinale. I microrganismi iniziano attivando cellule T del sistema immunitario e, in un ulteriore passo, le cellule B immunitarie. I risultati suggeriscono che negli esseri umani con la predisposizione genetica corrispondente, in sostanza, la flora intestinale benefica potrebbe agire da fattore scatenante per lo sviluppo della sclerosi multipla.Bild vergrößernAutoaggressive cellule B (verde) in un linfonodo vicino al cervello. L'attivazione delle cellule B avviene nel ... [Mehr]© MPI di NeurobiologiaL'intestino umano è un paradiso per i microrganismi: è sede di circa 100 miliardi di batteri fatto a partire da 2.000 diverse specie batteriche. I microrganismi dell'intestino sono non solo indispensabili per la digestione, ma anche per lo sviluppo dell'intestino. Complessivamente, questa comunità diverse comprende geni tra dieci e cento volte in più rispetto l'intero genoma umano. Gli scienziati quindi spesso riferimento ad essa come il "sé esteso". Tuttavia, i batteri intestinali possono anche giocare un ruolo in malattie in cui il sistema immunitario attacca il corpo stesso. Batteri intestinali possono quindi promuovere disordini autoimmuni come il morbo di Crohn e l'artrite reumatoide.Da un lato, la probabilità di sviluppare sclerosi multipla, una malattia in cui le proteine sulla superficie dello strato di mielina nel cervello attivare il sistema immunitario, è influenzato dai geni. D'altra parte, tuttavia, i fattori ambientali hanno un impatto ancora maggiore sullo sviluppo della malattia. Gli scienziati hanno a lungo sospettato che essa è causata da agenti infettivi. I ricercatori Max Planck ora supporre che la sclerosi multipla viene attivato da parte della flora intestinale naturale.Questa scoperta sorprendente è stata resa possibile dal recente sviluppo topi geneticamente modificati. In assenza di esposizione a eventuali influenze esterne, le reazioni infiammatorie sorgono nel cervello di questi animali che sono simili a quelli associati con la sclerosi multipla nell'uomo - Tuttavia, ciò avviene solo quando i topi sono intatti flora intestinale. I topi senza microrganismi nel proprio intestino e tenuto in un ambiente sterile rimaste sane. Quando gli scienziati hanno "vaccinato" gli animali allevati in condizioni sterili con normali microrganismi intestinali, ma anche si ammalò.Secondo i ricercatori Martinsried-based, la flora intestinale influenzano il sistema immunitario nel tubo digerente; topi senza flora intestinale hanno un minor numero di cellule T lì. Inoltre, la milza di questi animali produce meno sostanze infiammatorie, come le citochine. Inoltre, i loro linfociti B producono anticorpi pochi o nessun contro la mielina. Quando i ricercatori ripristino della flora intestinale ai topi, le cellule T e B aumentato la produzione di citochine e anticorpi."Sembra che il sistema immunitario viene attivato in due fasi: per cominciare, le cellule T nei vasi linfatici del tratto intestinale diventano attive e proliferano. Insieme con le proteine di superficie dello strato di mielina, questi quindi stimolare le cellule B per formare anticorpi patogeni. Entrambi i processi scatenare reazioni infiammatorie nel cervello che progressivamente distruggono lo strato di mielina - un processo che è molto simile al modo in cui la sclerosi multipla si sviluppa negli esseri umani ", dice Krishnamoorthy Gurumoorthy dal Max Planck Institute of Neurobiology. Così, la malattia è causata da cambiamenti nel sistema immunitario e non da disturbi nel funzionamento del sistema nervoso. "La ricerca La sclerosi multipla è stato a lungo preoccupato per la questione di causa ed effetto. I nostri risultati suggeriscono che il sistema immunitario è la forza motrice ", spiega Hartmut Wekerle, direttore presso il Max Planck Institute di Martinsried.Gli scienziati sono certi che la flora intestinale può anche innescare una reazione eccessiva del sistema immunitario contro lo strato di mielina in persone con una predisposizione genetica per la sclerosi multipla. Pertanto, l'alimentazione può giocare un ruolo centrale nella malattia, come la dieta determina in gran parte dei batteri che colonizzano l'intestino. "Cambiare abitudini alimentari potrebbe spiegare, per esempio, perché l'incidenza di sclerosi multipla è aumentato nei paesi asiatici negli ultimi anni", spiega Hartmut Wekerle.Proprio il quale i batteri sono coinvolti nella comparsa della sclerosi multipla rimane poco chiaro. I candidati possibili sono clostridiums, che possono avere contatto diretto con la parete intestinale. Sono anche un componente naturale di una flora intestinale sana, ma potrebbe attivare le cellule T in persone con una predisposizione genetica. Gli scienziati ora vorrei analizzare l'intero genoma microbica dei pazienti con sclerosi multipla e quindi identificare le differenze tra la flora intestinale di persone sane e pazienti affetti da sclerosi multipla
hr

www.neuro.mpg.de/49873/news_publication_4620085

Nessun commento:

Posta un commento