Visualizzazioni totali

03/06/12

Il punto sulle staminali

Il punto sulle staminali di Marie Rhodes - Trad. di Matteo Scibilia

 qs articolo lo trovate qui: http://www.ccsviitalia.org/staminali.html

Immagine
Voglio raccontarvi una piccola  storia.
Nei primi anni '90 ci fu una edizione speciale di Scientific American focalizzata sul sistema immunitario. Fu anche descritta una ricerca sui topi con ictus indotto. Dopo che i topi avevano avuto l'ictus, i medici somministrarono loro delle cellule staminali  umanizzate. Le cellule staminali furono marcate in modo che si presentassero di colore blu; dopo che i topi furono sacrificati, si scoprì che l'area dell'ictus era completamente piena di queste cellule blu. I topi che avevano ricevuto le cellule erano molto più funzionali rispetto ai loro fratelli non trattati che avevano avuto l'ictus. Dio benedica i topolini!

Da quel momento sono rimasta in attesa di sapere che le cellule staminali potevano essere utilizzate per i pazienti umani affetti da malattie neurologiche. Purtroppo la ricerca è stata estremamente lenta a causa di problemi di finanziamento (non trattandosi di farmaci), e anche ostacolata dalle questioni etiche che circondano le cellule staminali embrionali.

In realtà, vi è una gran confusione su tutta la questione delle cellule staminali in generale e mi piacerebbe chiarire, nei limiti delle mie possibilità.

Ci sono tre cose che vengono in mente alle persone con SM,quando sentono parlare di "cellule staminali".
  • EMBRIONALI Il tipo più controverso di cellule staminali sono le cellule staminali embrionali, che sono prese dalle uova fecondate dopo ore di divisione, ma prima di essersi organizzate o differenziate in qualsiasi tipo di tessuto. Questo gruppo di cellule ha il potenziale per diventare un bambino dopo tante divisioni, molta organizzazione cellulare e un po 'di fortuna. Il problema è che molti di noi sono terribilmente a disagio con l'idea di fecondare un ovulo in laboratorio solo per utilizzarne le cellule per la nostra salute.
    Quando la gente sente "cellule staminali", il primo pensiero va a questo tipo controverso di cellule staminali embrionali, probabilmente perché è tutto "incasinato" con questioni della vita; ma le staminali embrionali non sono l'unico tipo, e neanche il migliore, di cellule staminali
  • Mieloablazione La seconda cosa che molte persone con SM ha in mente quando sentono "cellule staminali" è qualcosa di simile al concetto "Revimmune" studiato presso la Johns Hopkins.
    L'idea alla base di questo approccio è che si presuppone che nella sclerosi multipla il sistema immunitario è impazzito e sta attaccando il cervello: la teoria classica autoimmune per la sclerosi multipla. Il loro obiettivo è quello di distruggere il sistema immunitario e renderlo simile a quello di un neonato, di modo che non attacchi più il cervello.
    Per realizzare questo. prima si prelevano le staminali dal paziente SM e si salvano in laboratorio. Poi vengono somministrati pesanti dosi di farmaci chemioterapici per uccidere (ablazione) il sistema immunitario completamente, compresa l'origine nel midollo osseo (mielo).
    Questo è molto pericoloso e alcune persone in realtà muoiono durante questa fase, quando non hanno il sistema immunitario ... ma il vecchio sistema immunitario, che "sapeva" come attaccare cose brutte, come morbillo, parotite e varicella, è andato. Il vantaggio è che presumibilmente si fermeranno anche gli attacchi sul cervello, perché il nuovo sistema immunitario non avrà alcuna "programmazione" per attaccare la mielina.
    Alla persona vengono quindi date le proprie cellule staminali, per la ricostituzione di un nuovo sistema immunitario. Il sistema immunitario è completamente vergine e la persona avrà bisogno di un set completo di vaccinazioni infantili, di modo che possa essere di nuovo protetta dalla parotite e simili. Il presupposto è che questo nuovo sistema immunitario non attaccherà di nuovo il cervello con la SM.
    Ho discusso di questo tipo di terapia nel mio libro e ho citato diversi studi, che dicono che questo approccio sembra aiutare per qualche anno, ma col tempo la stragrande maggioranza comincerà a progredire di nuovo.
    Quindi la prima cosa che pensa la gente di solito, quando si parla di cellule staminali, sono le cellule staminali embrionali, e poi, se sono pazienti affetti da SM, tendono a pensare a questo tipo di terapia che utilizza una forte dose di chemioterapia. Ma questo non è l'unico modo in cui le cellule staminali possono essere utilizzate. 
  • STAMINALI RIGENERATIVe E IMMUNOMODULATRICI Forse il metodo più promettente è ottenere cellule staminali con l'unico scopo che queste cellule staminali rigenerino il tessuto cerebrale danneggiato, proprio come abbiamo viso con il topo dell'inizio. Sembra anche che queste cellule abbiano effetti di modulazione del sistema immunitario; cioè, l'attuale sistema immunitario viene spinto verso una modalità di riposo non aggressiva, come se questa grande massa di cellule staminali in giro nel corpo inviino messaggi di guarigione dappertutto.
    Le cellule staminali utilizzate per la rigenerazione di tessuto cerebrale possono essere raccolte usando diversi metodi.
    Le cellule staminali mesenchimali sono le più promettenti per le persone con malattie neuro degenerative, perché sono coinvolte nello sviluppo del tessuto nervoso. Tali cellule staminali possono essere prelevate dal midollo osseo, ma sono molto rare rispetto ad altri tipi di staminali presenti nel midollo.
    Comincia ad apparire chiaro che forse la raccolta dal grasso o "tessuto adiposo" è la migliore fonte di cellule staminali mesenchimali.
    Per raccogliere le cellule staminali mesenchimali, vengono prelevati dal ventre un paio di cucchiaini di grasso; poi le cellule staminali mesenchimali vengono filtrate e coltivate in laboratorio, e un gran numero vengono iniettate al paziente mediante il sistema venoso. Le cellule staminali passano per tutto il corpo attraverso il sistema vascolare e vengono attratte da qualsiasi area dove c'è infiammazione o attività del sistema immunitario, suggerendo che c'è un problema che deve essere guarito. Per questo, le cellule staminali vengono "assorbite" da molti diversi tessuti. Per averne a  sufficienza per il cervello, è necessario iniettarne grandi quantità.
    Questo è un argomento che richiederebbe un intero saggio, ma notate, quando il sistema immunitario di una persona viene distrutto, la maggior parte di tutte le cellule staminali fornite sarebbero stati utilizzate per ricostruire il sistema immunitario sistema e non per rigenerare il tessuto cerebrale.
    Al contrario, utilizzando le cellule staminali  semplicemente ai fini della rigenerazione senza danneggiare il sistema immunitario e danneggiare il midollo osseo, si ottiene che molte altre sono disponibili per andare a guarire il tessuto danneggiato cerebrale.
    Ci sono molti studi sulle cellule staminali nella sclerosi multipla; ma la FDA non ne ha ancora autorizzato l'utilizzo per la SM. Alcuni di questi studi sono sull'approccio mieloablativo, ma altri riguardano l'utilizzo delle cellule staminali atttraverso Iniezione Venosa(IV) per rigenerare il tessuto cerebrale e anche per "modulare il sistema immunitario".
    I ricercatori stanno anche studiando l'uso delle cellule staminali in pazienti che hanno avuto ictus, come strategia di rigenerazione in casi in cui non è coinvolto il sistema immunitario.
    In ogni caso, questa ricerca è promettente e ci sono classici studi randomizzati e controllati per capire se le cellule staminali sono utili nei pazienti con sclerosi multipla e ictus. I primi risultati sono positivi, ma gli studi compiuti sono di piccole dimensioni.
    Attualmente è possibile ottenere questo tipo di trattamento in Texas, come ho già detto in un precedente saggio.
    La procedura è utilizzata anche in alcune cliniche d'oltremare, almeno due delle quali combinano il trattamento CCSVI con le cellule staminali. Ma si consiglia cautela e il turismo sanitario non è assolutamente consigliato.

Ci sono incognite su questo tipo di terapia e queste devono essere menzionate.
  1. Alcuni si chiedono se queste cellule staminali potrebbero eventualmente causare qualche tipo di cancro nel tessuto originariamente "guarito" 
  2. Il numero di cellule staminali fornite nelle diverse cliniche può variare enormemente da migliaia fino a centinaia di migliaia: chi sta utilizzando la dose giusta?
  3. Le proprietà immunomodulatorie delle cellule staminali possono essere un vantaggio aggiunto reale per i pazienti, ma, quando l'equilibrio naturale delle cellule staminali è stato modificato, questo non potrebbe avere dei risultati inattesi?
  4. Il trattamento è permanente, o ne saranno necessari altri?
  5. E qual è il programma di dosaggio ottimale? 
  6. Non è approvato dalla FDA, perché ci sono ancora inadeguati fase III degli studi che mostrano l'efficacia
Tutte queste cose diventeranno più chiare col passare del tempo, ed io per prima sono estremamente fiduciosa che le terapie con cellule staminali significheranno che abbiamo veramente girato l'angolo e che le malattie croniche possono essere meglio gestite con questo approccio.
Sono molto ansiosa che la ricerca vada avanti in questo campo e cominci a rispondere ad alcune delle domande, e sono lieta che i texani hanno fatto una mossa per consentire alle cliniche nel loro stato di utilizzare questo tipo di approccio. Il requisito posto dal governo dello stato del Texas, per cui le cliniche dovranno rendere trasparenti i dati del registro, significa che si avranno un sacco di dati molto presto a causa di tale requisito.
Sono pronta ad essere un'attivista per contribuire a spostare questo fuori dal laboratorio e nelle mani dei pazienti nelle nostre comunità, la consapevolezza, l'apprendimento, in seguito alla ricerca, scrivendo lettere ai politici quando necessario è quello che voglio dire ... 
Ricordate il topolino di cui ho parlato all'inizio di questo saggio? Quello avveniva 20 anni fa. Nel frattempo le cellule staminali sono state date a persone con linfoma di Hodgkin e non-Hodgkin, senza alcuna conseguenza negativa. Le persone sottoposte ad altri tipi di terapia del cancro hanno utilizzato la terapia staminale per la ricostruzione dopo la terapia aggressiva.
La procedura con le proprie cellule staminali sembra essere sicura. E so ancora di più che la SM lasciata con i suoi meccanismi non è sicura. Ho provato su di me tutte le procedure disponibili, e io sono pronta per inserire anche questa nel mio armamentario, per riparare i danni dopo 21 anni di SM / CCSVI.


L'ho già detto prima, ma lo ripeto; vento in poppa per le cellule staminali! 

Myelin Repair Foundation - Un ulteriore passo avanti
 
Una Organizzazione no-profit il cui unico scopo è quello di accelerare la ricerca sul fronte della ri-mielinizzazione per la Sclerosi Multipla


Isolate con un nuovo metodo le migliori cellule staminali per la SM - Trad. di Matteo Scibilia

Sommario dello studio:- E' stato sviluppato un metodo preciso che isola solo le cellule staminali che possono curare la sclerosi multipla e malattie infantili causate dalla incapacità del cervello di produrre mielina.- Dopo aver analizzato geni in diversi tipi di cellule staminali, gli scienziati hanno cercato e trovato i geni che hanno una maggiore probabilità di differenziarsi in cellule staminali in grado di produrre mielina.- Le cellule staminali umane sono state poi iniettate con successo nel cervello di topi affetti da SM.- Il nuovo metodo offre la prospettiva di avvio di studi clinici in tempi brevi, dicono gli scienziati.Buffalo, NY- Cresce sempre di più la prospettiva di poter passare a test clinici sull'uomo con cellule staminali per curare malattie come la sclerosi multipla, dicono gli scienziati dell'Università di Buffalo e l'Università di Rochester, che hanno sviluppato un modo più preciso per isolare le cellule staminali che produrrà la mielina.La mielina è un cruciale materiale grasso che riveste i neuroni e permette loro di trasmettere efficacemente i segnali nervosi. L'impossibilità di produrre correttamente mielina è la causa della sclerosi multipla, nonché di rare, fatali, malattie infantili, come la malattia di Krabbe.La ricerca, pubblicata on-line e nel numero di ottobre di Nature Biotechnology, supera una barriera importante per l'uso delle cellule staminali dal cervello nel trattamento delle malattie demielinizzanti.Fino ad ora, è stato difficile separare le giuste cellule progenitrici  Â - quelle che si svilupperanno in cellule che producono mielina, spiega Fraser Sim, PhD, co-autore dello studio e professore assistente presso il Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia presso la Scuola UB di Medicina e Scienze Biomediche, che ha svolto gran parte del lavoro, mentre era ricercatore a Rochester."Caratterizzare e isolare le giuste cellule da utilizzare nella terapia con cellule staminali è in ultima analisi la chiave del successo" ha affermato Sim. "Bisogna avere le giuste cellule in mano prima di poter anche pensare di arrivare ad una sperimentazione clinica per il trattamento di persone. Si tratta di un passo significativo".Sim e Crystal McClain hanno effettuato analisi approfondite esaminando l'attività dei geni in diversi tipi di cellule staminali, arrivando alla conclusione che le cellule staminali che portavano una proteina nota come CD140a sulla loro superficie sembravano avere più probabilità di diventare oligodendrociti  - il tipo di cellule cerebrali che producono mielina.Gli scienziati hanno iniettato le cellule nel cervello di topi che erano nati senza la capacità di produrre mielina. Dodici settimane più tardi, le cellule erano diventate oligodendrociti e avevano ricoperto più del 40 per cento dei neuroni del cervello con mielina  - un risultato quattro volte migliore rispetto ai risultati precedenti, che il team aveva pubblicato su Cell Stem Cell e Nature Medicine."Queste cellule rappresentano i nostri migliori candidati in questo momento per potere un giorno aiutare i pazienti con SM, o i bambini con fatali malattie delle mielina ereditarie", ha detto Steven Goldman, MD, PhD, co-autore, il leader della squadra e professore e presidente del Dipartimento di Neurologia presso l'Università di Rochester Medical Center. "Queste cellule migrano in modo più efficace in tutto il cervello, e mielinizzano altre cellule più rapidamente e in modo più efficiente rispetto a qualsiasi altre cellule valutate finora. Ora abbiamo finalmente un tipo di cellula che noi riteniamo sia sicuro ed abbastanza efficace per poterlo proporre per la sperimentazione clinica."Un eventuale trattamento di una malattia come la SM potrebbe comportare l'iniezione di cellule staminali per creare mielina nel cervello dei pazienti."Un altro approccio", dice Sim, "potrebbe consistere in alcuni farmaci per attivare queste cellule già presenti nel cervello dei pazienti e creare così nuovi mielina. L'uso delle nuove tecniche descritte in questo lavoro ci permetterà di capire meglio come si comportano le cellule del cervello umano e ci aiutano a predire se i farmaci potranno avere successo nel trattamento della perdita di mielina ".

Nessun commento:

Posta un commento