Visualizzazioni totali

23/08/12

Intestino irritabile

La dieta per la sindrome dell'intestino irritabile
sindrome intestino irritabile dietaCrampi addominali, colichette... quegli improvvisi smottamenti nell'intestino e di corsa al bagno! In particolare al mattino o dopo aver mangiato qualcosa a base di latte, capita di avvertire lo stimolo o di essere colpiti da una scarica di diarrea.
La sindrome dell'intestino irritabile colpisce a tutte le età: dai neonati agli adulti, ma sono soprattutto le donne a soffrire dei fastidi digestivi. Colite e stitichezza sono due manifestazioni legate al problema.
Ecco cura e rimedi con la dieta in caso di intestino irritabile.
SINDROME DA INTESTINO IRRITABILE
Ci sono due aspetti o forme di questa patologia: una prima manifestazione è caratterizzata da improvvise contrazioni intestinali. L'intestino si stringe, si attorciglia e muovendosi rapidamente provoca frequenti simoli ad evacuare (anche con diarrea). Una seconda forma vede invece un intestino quasi paralizzato, con conseguente stitichezza e feci dure.
 
DIETA PER LA SINDROME DA INTESTINO IRRITABILE
Prima cosa da chiarire: non ci sono alimenti che causano direttamente questa condizione, ma diciamo che alcuni cibi possono aggravare il disagio esistente. Con la dieta non si cura la colite; è però possibile minimizzare i fastidi.

DIETA INTESTINO IRRITABILE: Le fibre

Sì, ma con cautela. Le fibre fanno molto bene, ma vanno incluse lentamente nella dieta per abituare il corpo, che non è in grado di assimilarle.
Le fibre aiutano a regolarizzare l'intestino e possono avere sia la funzione di contrastare la stipsi che quella di frenare la diarrea.

DIETA INTESTINO IRRITABILE: Ogni intestino è diverso

La dieta per chi soffre di sindrome di intestino irritabile deve essere opportunamente personalizzata: alcune persone fanno fatica a digerire e assimilare il latte, altre hanno problemi con le verdure, i legumi e persino la frutta cruda può essere difficile da trattenere.
Gonfiori addominali, coliche, flutolenza e meteorismo possono essere disturbi collegati.
 
DIETA INTESTINO IRRITABILE. Consigli
Il primo consiglio è evitare situazioni di stress nella vostra vita, distrarsi e allontanare le preoccupazioni.
Altro consiglio è mantenere un buon livello di idratazione.
Ultimo, ma non meno importante, frazionare i pasti in sei più piccoli al giorno. Questo farà sì che il vostro corpo resti in funzionamento continuo così da stimolare l'attività dell'intestino per una migliore assimilazione del cibo.
 
INTESTINO IRRITABILE: Cibi si e cibi no
Sì a pane, pasta, riso bianchi, cereali raffinati, semolino, fiocchi di mais, patate, grissini e cracker senza grassi, fette biscottate.
Sì a pollo, coniglio, vitello, manzo, agnello e suino, purché sempre ben sgrassati e/o privati della pelle.
Sì a pesce magro come sogliola, orata, branzino, platessa, nasello, da lessare o cuocere alla griglia.
Sì (con moderazione) a yogurt magro, ricotta, parmigiano, latte scremato.
Si a lattuga fresca, carote, rape, cavoli, zucchine, pomodori maturi e sbucciati, fagiolini cotti e decorticati. tutte le verdure meglio se cotte e passate.
Sì a mele, pere, pesche, frutta sciroppata, frutta cotta, meglio se ben matura.
Sì a olio extravergine di oliva.
Sì al miele.
Meglio bere acqua naturale a temperatura ambiente.
No al pane bianco molto lievitato o elaborato, pane integrale, pane alla crusca, riso integrale, brioche e prodotti industriali da forno, merendine confezionate, biscotti industriali, patate fritte.
No a salumi e insaccati, carni salate molto grasse e affumicate, la trippa, lumache, tutta la cacciagione e la selvaggina. No al pesce affumicato, acciughe, sardine, pesce fritto, ostriche, capesante e tutti i molluschi o i frutti di mare in genere.
No ai formaggi stagionati grassi e/o fermentati.
No a ortaggi come radicchio, indivia, sedano, funghi, peperoni, fave, melanzane, prezzemolo, porri, aglio, sottaceti, carciofi, asparagi, zucca, barbabietole e cipolla.
No a frutta secca e oleosa, kiwi, melone, ciliegie, ribes, frutti di bosco, fichi, prugne fresche e secche, banane, albicocche, uva, agrumi, anguria.
No a aceto, pepe, peperoncino, senape, spezie e aromi piccanti.
No a bibite gassate, tè nero, caffè, bevande a base di cola, cioccolata, vini e superalcolici.
 
INTESTINO IRRITABILE. NO ai lassativi
Assumere lassativi a lungo andare anestetizza l'intestino, che diventa più debole ed il problema della stitichezza anciché risolversi può diventare ancora più grave.

Nessun commento:

Posta un commento